Prensa italiana

Saramago l’ anticlericale sindone, nessuna stranezza

La Repubblica, 10 de Octubre 2009
Vera Schiavazzi

PER José Saramago, Torino è «misteriosa». Non già perché «dietro ogni angolo potresti incontrare un diavoletto», come dice scherzando, o perché in certe piccole piazze stanno in bella vista sulle facciate dei palazzi simboli esoterici e cabalistici. Semmai, perché la gente ci crede, in quella che dovrebbe essere ed è una città «ultracivilizada», come la chiama il Premio Nobel, che qui è venuto per una fitta due giorni di incontri e presentazioni. Saramago elude con l’ eleganza dell’ età una domanda sui suoi ricordi del Premio Grinzane, al quale si devono le sue precedenti visite in Piemonte («ho tanti anni, ho ricevuto tanti premi, ho tanti amici in Italia…»), ma non si sottrae, sempre in tema di torinesità, a quella sulla Sindone. Che effetto fa, a lui così rigorosamentee spietatamente iconoclasta verso tutte le manifestazioni religiose, l’ idea che centinaia di migliaia, addirittura milioni di pellegrini siano attesi qui per adorare un lenzuolo che si dice abbia avvolto il corpo di Cristo, e che altri sostengono essere un falso? «L’ unica stranezza della religione è il perché gli uomini continuino a crederci. Non c’ è nient’ altro. Tra pochi giorni uscirà in Spagna e in America Latina il mio libro dedicato a Caino, una riflessione su come il Cristianesimo e il suo libro più importante, la Bibbia, si sia fondato su un omicidio». La giornata torinese dello scrittore è iniziata alla Torre di Abele, la libreria di via Pietro Micca, insieme alla moglie Pilar. Qui, Saramago ha iniziato a parlare di politica (la notizia del Nobel per la Pace a Barack Obama non era ancora arrivata, ma su di lui ci sono state comunque parole di speranza così come sulla Corte Costituzionale italiana), ha firmato autografi e sottoscritto la proposta del padrone di casa, Rocco Pinto, a tutela delle librerie indipendenti. Nel pomeriggio ancora incontri e interviste, mentre oggi Saramago saràa Palazzo Nuovo alle 12 – non più alla Facoltà di Scienze politiche – per una conversazione con gli studenti condotta da Angelo d’ Orsi, nell’ ambito delle iniziative per il FestivalStoria. Al centro dell’ attenzione, né potrebbe essere altrimenti in un momento politico che pare fatto apposta per sostenere l’ uscita de Il Quaderno, il nuovo libro tratto dal blog dello scrittore e pubblicato in Italia dalla torinese Bollati Boringhieri, i giudizi taglienti e impietosi del Nobel portoghese su Berlusconi e i suoi omologhi nel mondo. Liberatosi di Bush, un altro dei suoi bersagli, e ammonito Obama sulla «responsabilità ancora più grande» che deve sentire dopo l’ investimento che la comunità internazionale ha fatto a Stoccolma, Saramago è libero di dedicarsi alle cose di casa nostra: «Non ho consigli da dare agli italiani, ma credo che debbano tornare a essere all’ altezza del loro passato. Il fatto che Berlusconi sia stato messo in difficoltà sulla sua vita privata potrebbe anche non piacermi se questa fosse davvero tale, ma la vita privata smette di esserlo quando sono gli stessi protagonisti a farla diventare pubblica, anche per il ruolo che rivestono. Con che coraggio Berlusconi può affermare che la presenza di Patrizia D’ Addario in tv è offensiva quando lui stesso l’ ha invitata più volte a casa sua, cioè nella casa del capo del governo? La verità è che disprezza tutte le donne, e di conseguenza anche tutti i cittadini». Ma ci sono critiche anche per la sinistra e la sua incapacità di risvegliare le «coscienze addormentate» dei popoli: «Ci si sarebbe potuti aspettare che di fronte a una crisi economica così grave la sinistra e i sindacati si facessero sentire con proposte e forze nuove. Invece, silenzio. Nonostante io sia d’ accordo con Bertolt Brecht quando afferma che fondare una banca è più grave che rapinarne una, credo che alla fine il capitalismo riuscirà a rattoppare se stesso».

-//- 

Saramago: «Berlusconi è la malattia del Paese»

L’Unitá, 10 de Octubre 2009
Oreste Pivetta

Alto, magro, sottile nell’abito grigio, la giacca abbottonata, la cravatta rossa, ecco Saramago che mi cammina incontro lungo il corridoio di un albergo torinese, che mi porge la mano, che mi dice cose terribili con la calma del saggio, la puntualità di chi misura le parole, di chi le parole usa da una vita e che delle parole ha fatto la sua ragione di vita. Siamo nel campo delle «interviste impossibili»: come si fa a restituire il tono di fondo e il contorno di quelle parole, di parole come Obama, pace, sinistra, comunista e , naturalmente, Berlusconi e persino D’Addario. Josè Saramago è a Torino. Ieri sera ha festeggiato il suo nuovo libro al Circolo dei lettori, oggi avrà altri appuntamenti a Palazzo Nuovo, l’università, lunedì sarà a Milano al Teatro Franco Parenti, mercoledì a Roma al Quirino. Il libro in questione è «Il Quaderno », pubblicato da Bollati Boringhieri dopo che la Einaudi l’aveva respinto. È la raccolta di quanto comparso nel giro di un anno e mezzo, tra il 2008 e il 2009, nel blog di Saramago, un articolo, un pensiero, una breve nota di carattere politico o un ricordo letterario: dalla sua Lisbona alla poesia di Machado, da Ratzinger a Gaza. Einaudi lo bocciò per quel ritrattino impietoso di Silvio Berlusconi e del popolo italiano, che sta alle prime pagine: «Nel paese della mafia e della camorra, che importanza potrà mai avere il fatto provato che il primo ministro sia un delinquente?».Però vorrei cominciare dalla notizia del giorno: il Nobel per la pace a Obama. Lei ha dedicato molte pagine del suo blog al nuovo presidente degli Stati Uniti, dopo essersi dedicato con feroce lucidità al predecessore, George Bush, «bugiardo compulsivo», «bugiardo emerito», un cow boy che credeva d’aver ereditato il mondo e lo aveva confuso con una mandria di buoi. 

Adesso c’è Obama, quasi una rivoluzione, certo una speranza. Che cosa pensa di questo premio? 
«Mi rallegra moltissimo. Attendo il suo discorso con curiosità. Qualcuno in giro dirà che è prematuro, che in fondo non si sono ancora visti i risultati diuna eventuale politica di pace di Obama. Io penso prima di tutto che si tratti di un buon investimento: la dimostrazione che vale per i mondo intero di quanto abbiamo bisogno di un uomo come Obama. Almeno dei pensieri, degli intendimenti che finora ha espresso. Bene. Certo che il presidente degli Stati Uniti si ritrova sulle spalle una responsabilità enorme. Come ho scritto, un uomo che ci sorprende in questo mondo cinico, senza speranza, terribile, che ci sorprende perché ha voluto alzare la voce per parlare di valori,di responsabilità personale e collettiva di rispetto per il lavoro e anche per la memoria di chi ci ha preceduto…». 
Ma lei sapeva che anni fa un parlamentare italiano lanciò l’idea di una petizione popolare perché il premio Nobel per la pace venisse assegnato a Berlusconi? 
«No, questo mi è sfuggito. E che cosa avrebbe mai fatto Berlusconi per la pace? Non so. Ho solo visto invece come ha ridotto il suo paese, ho potuto apprezzare la decadenza morale e culturale di un paese cheamomolto… ». 
Berlusconi dirà che lei è un vecchio comunista. Non si senta solo… Però, di fronte alle sue analisi perfette (anche quelle che toccano la sinistra,il partito democratico, Veltroni) mi chiedo come faccia lei da Lisbona o da Lanzarote a vedere tutto, ad analizzare tutto con tanta precisione? 
«Non mi è stato difficile, perché, ripeto,ho sempre amato l’Italia. In realtà quando sulla scena è comparso Berlusconi me ne sono allontanato. Dopo, ad ascoltare quanto accadeva, mi sono sentito addosso il dovere morale di dire quanto pensavo. Anche adesso: che Berlusconi è un bubbone ed è la malattia del paese, anche se ha riscosso molte simpatie, se è vero che per tre volte gli italiani lo hannoeletto.Unuomosenza morale, capace di tutto… ». 
Sa anche delle escort? 
«Sì e mi hanno molto colpito le sue proteste quando la signorina D’Addario è comparsa in televisione. Significative del suo modo proprietario di pensare il paese. La signorina D’Addario puòfrequentare i palazzi del potere, ma non può comparire in televisione…». 
Beh,si potrebbe dire che Palazzo Grazioli non è palazzo Chigi. Palazzo Grazioli è “roba” di Berlusconi. 
«Certo, ma lui ne ha fatto il luogo privilegiato di esercizio del suo potere, in modo aperto, chiaro, incontrando lì gli stessi uomini del governo italiano». 
Lei non è tenero neppure con la sinistra, tantomeno con quella italiana. Ha scritto che il Partito democratico. È cominciato come una caricatura di partito ed è diventato il convitato di pietra sulla scena politica. Ha scritto che Veltroni ha suscitato tante speranze defraudate dalla sua indefinitezza ideologica e dalla fragilità del suo carattere. È sempre di questa convinzione? 
«Tempo fa durante una conferenza a Buenos Aires dissi che la sinistra (e mi riferivo alla sinistra dei paesi che conosco) non ha la più schifosa idea del mondo in cui vive. Della realtà che ci sta attorno. Francamente temevo reazioni durissime, parole forti contro di me, rivendicazioni di orizzonti, di progetti, di battaglie. E invece mi sono ritrovatoimmerso nel silenzio. Nulla.Èla dimostrazione che la sinistra non ha idee. Si può dire che la sinistra moderata abbia ad esempio espresso qualcosa di sinistra di fronte alla crisi economica e finanziaria di questi tempi? Avete assistito a qualche reazione ispirata da una cultura di sinistra? E la sinistra comunista che fa? Aspetta di dar l’assalto a un altro Palazzo d’inverno». 
Abbia pazienza: ci siamo tutti arresi al mercato e alla sue regole… 
«Ho scritto anche e ne sono convinto che Marxnon aveva mai avuto tanta ragione come oggi».
Mi ha colpito un capitoletto del suo blog, dove cita alcune parole cardine e cioè bontà, giustizia, carità. Per un comunista come lei e come noi non dovrebbe contare in primo luogo l’eguaglianza? 
«Le ho pure collocate in ordine di importanza quelle parole: prima la bontà che dovrebbe implicare la giustizia, all’ultimo posto la carità che ha sempre qualcosa di compassionevole e soprattutto consente a chi la fa di godere di uno stato di superiorità. Di fronte alle mistificazioni del nostro tempo retrocederei la bontà (quanti fanno del male, assumendole sembianze dei buoni) e farei avanzare la giustizia,introdurrei la parola libertà e cancellerei carità». 
Eguaglianza niente? 
«È un concetto molto complesso. Anche con la Rivoluzione francese arrivò per ultimo. L’eguaglianza è impossibile. Se la giustizia funziona ci si avvicina». 
Abbiamo parlato dell’Italia. Lei segue la produzione letteraria italiana? 
«Ci sono tanti bravi scrittori. Non parlo soltanto dei classici. Penso ai miei contemporanei, da Eco a Tabucchi a Camilleri. Sono scrittori che in Italia però mi sembra non abbiano eco.Nonè ungioco di parole… Scrivono, dicono, fanno,ma nessuno li ascolta. Cioè non hanno alcuna influenza sulla società, sulla cultura e sul costume degli italiani, tantomeno sulla politica. Sono molto più apprezzati all’estero. Ho scritto di etica verdiana,riferendomi appunto alla straordinaria popolarità di quel grande compositore. Ma scrivere sui muri, come si faceva allora, “Viva Verdi” aveva un significato politico chiaro: Viva Vittorio Emanuele re d’Italia eccetera eccetera. Ora non c’è parola che scuota una società apatica, che non ha evidentemente coscienza del fatto che la democrazia non è una conquista garantita per l’eternità. Basta poco a perderla ». 
Lei è un grande scrittore, considerato tra i più grandi del secolo passato e di questo.Dia qualche consiglio ai giovani: come si fa a diventare bravi quanto lei? 
«Non mi sogno proprio di dare consigli. Mi permetto solo di ammonire così: non avere fretta,non perdere tempo. La fretta è un difetto giovanile: si vuole arrivare presto ai risultati, al successo. Non perdere tempo, perché ognimomentoè prezioso per studiare, imparare, conoscere,sperimentare». 
Scusi, vorrei chiudere con una citazione, tanto per risollevare il morale della sinistra… 
«Abbiamo ragione,la ragione che assiste chi propone di costruireunmondomigliore prima che sia troppo tardi…».
 
-//-
 

H Offronsi cuaderno scontati

Il Giornale, 10 de Octubre 2009
 
Il «Quaderno» di José Saramago è subito sesto nella classifica della «Saggistica». Non stupisce: il Nobel per la letteratura condensa in questi suoi articoli tutto ciò che la gauche politicamente corretta sogna di leggere. Tutto ciò che va elogiato viene elogiato e tutto ciò che va demonizzato (Bush e Berlusconi) viene demonizzato. Il tutto senza neanche un guizzo, un lampo, che accompagni il lettore fuori dai luoghi comuni. Dopo tante polemiche sul libro, ci si sarebbe potuti aspettare almeno qualcosa di più corrosivo e meno «telefonato». 
 
-//- 
 

Il Quaderno dello Scandalo

La Stampa, 8 de Octubre 2009
 
Due giornate torinesi, venerdì 9 e sabato 10, per José Saramago, premio Nobel 1998 per la Letteratura, in occasione della pubblicazione de «Il Quaderno », la racconta degli interventi che lo scrittore portoghese ha pubblicato sul suo blog (blog. josesaramago.org) tra il settembre2008 e il marzo 2009 intervenendo con causticità su avvenimenti controversi dell’attualità, dagli ultimi atti delmandato di GeorgeW.Bush alla crisi finanziaria, e anche su fatti che ci riguardano da vicino, come la «libertà limitata» di Roberto Saviano e gli atteggiamenti del Presidente del Consiglio, che Saramago stigmatizza. Alcuni hanno sospettato che questi giudizi critici abbiano indotto Einaudi – editore italiano diSaramago- a rifiutare il libro. 
Di fatto, «Il Quaderno» escecon Bollati Boringhieri. Saramago sarà dunque venerdì 9 alle 12,30 alla libreria «La Torre di Abele» (via Pietro Micca22), e poi alle 21 al Circolo dei Lettori (via Bogino 9), per unincontro a cui interverranno Luca Rastello e Gabriele Vacis. Sabato 10 alle 12 converserà con il pubblico nella sede di Scienze Politiche, in via Verdi 25, sul tema «Libri contro il potere ». L’incontro (aperto a tutti) sarà preceduto dalla presentazione di FestivalStoria 2009 e delle prossime iniziative pubbliche della Facoltà. Nel pomeriggio di sabato, alle 18,30, Saramago andrà ad Alba, nella Sala Storica del Teatro Sociale G. Busca (piazza Vittorio Veneto) per una presentazione alla quale interverrà Antonio Scurati. 
Polemiche – tutte italiane – a parte, «Il Quaderno» è una testimonianza importante del lavoro letterario del Nobel portoghese, che si rivela, come scrive Umberto Eco nella prefazione, «impenitentemente irritato, e tenero». Qui a fianco pubblichiamo, per gentile concessione dell’autore, due testi recentissimi del blog. Il primo è una riflessione politica che prende le mosse da un episodio fondante dell’identità portoghese. Nel secondo, datato 31 agosto, Saramago annuncia la decisione di interrompere l’esperienza del blog, pur lasciandosi una porta aperta. E difatti, già in settembre Saramago è tornato a intervenire sul sito.

Pin It on Pinterest

Share This